Dott. Giuseppe Marino - specialista in ricorsi tributari - www.studiomarino.com     CopyrightRiproduzione riservata

  081/5706339         081/0060351           Consulenza Gratuita    (solo per e-mail o via fax)                                    

Orari d'ufficio 9.30-12.30 e 15.30 - 18.30     La consulenza gratuita e' ammessa via e-mail o via fax ,viene fornita a campione non e' garantita la risposta a tutti.

             

EFFETTUIAMO RICORSI IN TUTTA ITALIA - VISITA IL NUOVO SITO WWW.DIFESATRIBUTARIA.IT  RICCO DI SENTENZE AGGIORNATE FAVOREVOLI AL CONTRIBUENTE

Le notifiche via pec vanno fatte in orari prestabiliti ?

Ultimo aggiornamento 21/10/2017
SPECIALISTA I RICORSI AVVERSO AVVISID DI ACCERTAMENTO, CARTELLE, INTIMAZIONI, IPOECHE E FERMI AMMINISTRATIVI

Per un parere via fax compilare il modulo e allegare copia dell'accertamento  e inviarlo allo 081/0060351

Cartelle Esattoriali Fermo amministrat. Ipoteca Esattoria Vizi atti tributari Atti Impugnabili

EFFETTUIAMO RICORSI IN TUTTA ITALIA

La notifica a mezzo pec e i limiti imposti dall’art. 147 c.p.c. e dall’art. 16 septies del d.l. 179/2012

L’art. 147 c.p.c. dispone espressamente che le notificazioni non possono farsi prima delle ore 07:00 e dopo le ore 21:00.

Visto il silenzio della legge n. 53 del 1994 ci si chiede se è possibile violare i limiti dell’art. 17 del cpc.

L’art. 16 septies del d.l. 179/2012 il quale ha espressamente previsto che “la disposizione dell'articolo 147 del codice di procedura civile si applica anche alle notificazioni eseguite con modalità telematiche. Quando è eseguita dopo le ore 21:00, la notificazione si considera perfezionata alle ore 07:00 del giorno successivo.

Quindi non si è in presenza di un’ipotesi di nullità o invalidità della notificazione (la notifica effettuata dopo le ore 21 è perfettamente valida; semplicemente si perfeziona il giorno successivo.

Se notifico alle 21:00 cosa succede?

il principio della scissione degli effetti codificato all’art. 16 quater, comma III, d.l. 179 del 2012 ai sensi del quale “la notifica si perfeziona, per il soggetto notificante, nel momento in cui viene generata la ricevuta di accettazione prevista dall’ art. 6, comma I, d.p.r. 68/2005, e per il destinatario nel momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna prevista dall’art. 6, comma II, d.p.r. 68/2005”.

la Corte di Cassazione con la sent. n. 8886 del 04/05/16, Non condivisibile, ha stabilito che l’art. 16-septies d.l. 179/12 “non prevede la scissione tra il momento di perfezionamento della notifica per il notificante ed il tempo di perfezionamento della notifica per il destinatario espressamente disposta, pretendendo cge il notificante debba  ricevere entro le ore 21 del giorno in cui effettua la notificazione non solo la ricevuta di accettazione del messaggio di posta elettronica certificata ma anche la ricevuta di avvenuta consegna del messaggio di PEC.

 

 

 

CopyrightRiproduzione riservata